Mosul, offensiva contro l’Isis a rischio altri 500.000 bambini. Lo spettro del disastro umanitario (lettera43 del 18/10/16)


 

È iniziata lunedì 17 ottobre l’offensiva per liberare Mosul, la principale città dell’Iraq settentrionale, dalle milizie dello Stato islamico.OLTRE 1 MILIONE IN FUGA DA MOSUL. Il portavoce di Unicef Italia Andrea Iacomini ha sottolineato che «in tutto l’Iraq oltre 3.344.100 persone risultano sfollate e sono oltre 1 milione quelle in fuga da Mosul, la metà di queste sono bambini che necessitano di protezione immediata». Anche Save the Children ha fatto sapere che oltre mezzo milione di bambini rischiano la vita: «Se non verranno aperte vie sicure per sfuggire ai combattimenti in corso, molte famiglie non avranno altra scelta che restare, con il rischio di rimanere vittime del fuoco incrociato  dei combattimenti, intrappolati in luoghi privi di accesso agli aiuti umanitari, al cibo e alle cure mediche», si legge in una nota della organizzazione,  come sta accadendo ad Aleppo aggiungiamo noi.